Hosting e Housing: quali sono le differenze e quale soluzione scegliere per la tua azienda.

Hosting e Housing: quali sono le differenze e quale soluzione scegliere per la tua azienda.

Hosting vs Housing 

Che cos’è l’hosting?

L’hosting, dall’inglese host (ospite), è un servizio attraverso cui un fornitore (provider) mette a disposizione uno spazio web (web host) che consente di archiviare pagine web e renderle disponibili agli utenti. Queste pagine web fanno parte di un sito internet contraddistinto da un dominio (es. ipsnet.it) e un indirizzo IP (es. 18.197.105.52).

Le tipologie di web host possono essere diverse:

  • web host in condivisione: più siti differenti sono ospitati sullo stesso server;
  • web host virtuale: più siti differenti si trovano sullo stesso server, ma in aree differenti e indipendenti le une dalle altre;
  • web host: dedicata: un server viene dedicato ad un singolo utente per la gestione di uno o più siti.

 Il servizio di hosting infatti permette ad un sito di essere ospitato su un server fisico o virtuale (ne abbiamo parlato qui) di proprietà di terzi, ovvero di un hosting provider.

Chi dovrebbe scegliere il servizio di hosting?

Il servizio hosting è adatto per coloro che non presentano particolari esigenze tecniche e che prevedono un numero modesto di visitatori giornalieri sul proprio sito web.

Che cos’è l’housing?

L’housing permette alle aziende che lo desiderano di avere uno spazio adatto dove depositare i server di loro proprietà esclusiva e quindi di dare in outsourcing la gestione dei loro server, pagando un servizio a canone.

Gli ISP (Internet Service Providers) infatti mettono a disposizione presso i propri data center, spazi e servizi (sicurezza, energia, condizionamento…) per ospitare i server dei propri clienti. In questo modo le aziende non devono gestire internamente i costi relativi all’uso dello spazio per i server, dell’elettricità, del raffreddamento e della manutenzione delle loro macchine. Sarà inoltre il provider ad assicurarsi che aggiornamenti, backup e manutenzione dei macchinari presenti nel proprio Data Center avvengano correttamente.

Questa soluzione garantisce che gli spazi server non vengono mai condivisi con altri utenti, ma vengano monitorati e gestiti da specialisti del settore.

Quali sono i vantaggi dell’housing?

É facile comprendere che l’ housing abbia dei vantaggi per le aziende:

  • riduzione dei costi aziendali dedicati;
  • competenza e professionalità nella manutenzione dei server aziendali;
  • data Center privato;
  • tecnologie di Disaster Recovery e Business Continuity;
  • monitoraggio H24/7;
  • assistenza telefonica;
  • accesso alle risorse presenti in housing tramite sistemi firewall vpn per la sicurezza dei dati aziendali e la salvaguardia da accessi non autorizzati;
  • utilizzo del cloud per backup in remoto dei dati aziendali.

Stai cercando un hosting provider per il tuo sito? Pensi che la gestione dei tuoi server possa essere data in outsourcing ad un housing provider che si occupi della manutenzione e del backup? Contattaci, per un preventivo gratuito.

Giorgio Bagnasco

Giorgio Bagnasco

Managed Services Specialist

Dottore in Matematica Informatica, originariamente sviluppatore di applicazioni Web, amministratore di database e project manager in una vasta gamma di applicazioni aziendali. Oggi specializzato in IT Management e System Integration, problem solving, progettazione e gestione di reti informatiche, ottimizzazione di sistemi informativi aziendali

Dal 1995 siamo al fianco di professionisti e imprese.
Negli anni IPSNet è diventato un marchio sinonimo di competenza e professionalità per assistere il cliente e orientarlo nel mondo della rete, sempre più difficile e ricco di opportunità, ma anche di insidie. Cloud Provider, soluzioni per le reti informatiche e la sicurezza dei dati nelle aziende sono, ad oggi, il nostro quotidiano impegno per centinaia di clienti che, da oltre 20 anni, ci affidano la propria informatizzazione digitale.

Hai bisogno di maggiori informazioni?
Chiamaci al 011.58.07.622

Richiedi una consulenza gratuita

Server fisico dedicato oppure server virtuale cloud?

Server fisico dedicato oppure server virtuale cloud?

Che cos’è un server?

Il server è un componente hardware o software che svolge la funzione di erogare dati e pagine web quando vengono richieste dagli utenti o dai visitatori di un sito, chiamati “client”. Ad ogni richiesta di accesso ad una pagina, il server risponde alla chiamata di questi “client” con i dati richiesti.
Esistono varie tipologie di server: DNS, Game, Mail, Proxy, Database, File, Cloud

Server fisici o dedicati

I server fisici sono sostanzialmente computer di grandi dimensioni e molto potenti che si presentano spesso organizzati dentro strutture verticali di metallo.
Questi si compongo di: RAM (Random Access Memory), disco fisso e due o più CPU. 

Server cloud o virtuali

Il server cloud viene definito come IAAS (Infrastructure as a Service), ossia un’infrastruttura virtualizzata che può condividere le proprie risorse di RAM, spazio e processore, dove richiesto.

Quali parametri valutare per la scelta del server?

Vi sono alcuni importanti fattori da valutare per la scelta tra server dedicato e server virtuale. 
Tra i principali aspetti da valutare in termini di costi e performance:

  • costo di configurazione del server;
  • licenze di Windows e CAL (Server Client Access License);
  • hardware e software per il backup;
  • supporto che viene erogato sulla macchina;
  • consumo energetico;
  • consumo di raffreddamento;
  • facilità di espansione;
  • flessibilità;
  • sicurezza.

Occorre considerare attentamente questi parametri e selezionare la soluzione più adatta alle esigenze della singola realtà aziendale.

Se a una prima analisi il server virtuale potrebbe apparire più costoso rispetto all’acquisto dell’hardware di un server fisico, risulterà poi evidente che un quest’ultimo richiede un certo numero di spese complementari, quali: licenze, manutenzione, alimentazione energetica dello stesso, e raffreddamento della sala macchine.

Altro aspetto fondamentale da considerare è la sicurezza informatica. Nel caso di aziende che trattano dati sensibili o che hanno problemi di banda, il server fisico risulta la scelta vincente.

Nel caso di altre realtà, la flessibilità e il supporto del server cloud sono un plus davvero da non sottovalutare.
Per fare la scelta giusta è bene rivolgersi a esperti, in grado di fornire una consulenza mirata in base alle esigenze aziendali.√È arrivato il momento di cambiare il tuo server o di avviare un’attività e comprarne uno? Hai bisogno di una consulenza e vuoi sapere cos’è un server? Contattaci, il nostro team potrà guidarti nella scelta della soluzione più adatta alle esigenze della tua azienda.

Claudio Martini

Claudio Martini

Information Technology Project Manager

Systems Advisor e Chief Information Security Officer. Esperto in configurazione, gestione e manutenzione di reti, infrastrutture IT, server, firewall e soluzioni di business continuity. 

Dal 1995 siamo al fianco di professionisti e imprese.
Negli anni IPSNet è diventato un marchio sinonimo di competenza e professionalità per assistere il cliente e orientarlo nel mondo della rete, sempre più difficile e ricco di opportunità, ma anche di insidie. Cloud Provider, soluzioni per le reti informatiche e la sicurezza dei dati nelle aziende sono, ad oggi, il nostro quotidiano impegno per centinaia di clienti che, da oltre 20 anni, ci affidano la propria informatizzazione digitale.

Hai bisogno di maggiori informazioni?
Chiamaci al 011.58.07.622

Richiedi una consulenza gratuita

GAIA X: Verso Servizi Cloud Europei?

GAIA X: Verso Servizi Cloud Europei?

I nostri dati, in quanto europei, attualmente sono in mano a grandi colossi americani e cinesi. Per offrire qualche numero infatti, Amazon risulta il primo fornitore di servizi cloud Iaas (Infrastructure as a Service) con il 51 % di fetta di mercato, seguono a ruota il 13% di Microsoft, il 4% Alibaba e il 3% Google.

Perché un Servizio cloud Europeo?

Il conflitto nasce con il regolamento GDPR (General Data Protection Regulation) del 2016 che regola il trattamento dei dati e la privacy degli utenti e cittadini Europei. In materiale di privacy infatti le regole applicate oltreoceano sono differenti.

Nel 2018 gli Stati Uniti hanno approvato il Cloud act: legge federale che autorizza i fornitori di servizi cloud ad accumulare e utilizzare i dati degli utenti anche quando questi sono depositati fuori dal perimetro statunitense, scavalcando quindi il regolamento GDPR.

È quindi fondamentale che i dati europei restino in Europa in modo da poter salvaguardare quanto possibile la privacy dei cittadini dell’Unione.

Sia il governo tedesco sia quello francese si stanno quindi preparando a lanciare la loro proposta Cloud. Quella tedesca è stata comunicata il 29 ottobre e si chiamerà Gaia X: pensata inizialmente come una piattaforma cloud nazionale, ha decisamente mire europee. Sono infatti state coinvolte circa 100 aziende e 17 Paesi Europei.

Non parliamo quindi di un unico centro dati ma piuttosto una rete fra servizi cloud diversi.

E l’Italia? Alessandro Morelli, politico italiano, ha annunciato che si sta pensando all’ utilizzo di fondi della Banca europea per gli investimenti per sviluppare un cloud nazionale tutto italiano.Si tratta indubbiamente di un progetto ambizioso, ma totalmente realizzabile se ci si affiderà ad aziende esperte e competenti nel settore, che sicuramente non mancano nella nostra penisola.

Quale servizio cloud è meglio scegliere?

Per avere garanzia della tutela dei propri dati, il consiglio è di interfacciarsi con aziende che offrono servizi cloud privati, come nel caso di un MSP.

Quali sono i vantaggi di un cloud privato?

  • Sicurezza dei dati.
  • Possibile pagare esclusivamente per l’utilizzo effettivo.
  • Assistenza a 360°.

IPSNet, come managed service provider e system integrator, si affida a un data center privato e protetto, garantendo dati aziendali al riparo da furti e garanzia di privacy totale. Contattaci per un preventivo gratuito!

Claudio Martini

Claudio Martini

Information Technology Project Manager

Systems Advisor e Chief Information Security Officer. Esperto in configurazione, gestione e manutenzione di reti, infrastrutture IT, server, firewall e soluzioni di business continuity. 

Dal 1995 siamo al fianco di professionisti e imprese.
Negli anni IPSNet è diventato un marchio sinonimo di competenza e professionalità per assistere il cliente e orientarlo nel mondo della rete, sempre più difficile e ricco di opportunità, ma anche di insidie. Cloud Provider, soluzioni per le reti informatiche e la sicurezza dei dati nelle aziende sono, ad oggi, il nostro quotidiano impegno per centinaia di clienti che, da oltre 20 anni, ci affidano la propria informatizzazione digitale.

Hai bisogno di maggiori informazioni?
Chiamaci al 011.58.07.622

Richiedi una consulenza gratuita

Cloud pubblico vs cloud privato: i vantaggi del cloud privato.

Per le aziende è ormai indispensabile l’utilizzo di una piattaforma che consenta la conservazione e lo scambio dei dati in maniera sicura. I servizi cloud consentono di fare ciò tramite Internet o una rete interna agli utenti autorizzati.

Cloud privato: cos’è?

Si parla di cloud privato quando si tratta di servizi informatici non disponibili pubblicamente ma solo a utenti selezionati; servizi per i quali il fornitore mette a disposizione risorse dedicate. L’accesso avviene tramite Internet o una rete interna privata.

Cloud privato: come funziona?

I servizi di un cloud privato sono progettati appositamente per soddisfare le esigenze specifiche delle aziende. L’infrastruttura cloud privata viene ospitata direttamente in loco presso l’azienda o presso il data center del provider. Questa seconda opzione garantisce maggiore sicurezza. 

Il cloud privato si basa sulla virtualizzazione, processo che consente di scindere i servizi e le risorse IT dai dispositivi fisici. Le applicazioni non saranno quindi più essere eseguite in locale su terminali o server, ma saranno rese disponibili virtualmente tramite un cloud.Gli utenti autorizzati possono accedere alle applicazioni del cloud privato tramite la intranet aziendale o una rete privata virtuale (VPN). Per fare ciò si rende necessraio fornire agli utenti credenziali e permessi per autenticarsi nei servizi cloud. Generalmente l’accesso esterno a un cloud privato è protetto da un firewall per proteggere i singoli terminali o l’intera rete da accessi esterni illegittimi o indesiderati.

Cloud privato: quali sono i vantaggi?

Il cloud privato presenta diversi vantaggi, in particolare:

  • Maggiore sicurezza e controllo.
  • Utilizzo flessibile, in quanto i servizi vengono scalati in base alle esigenze individuali dell’azienda, consentendo un’impostazione del lavoro più efficiente.
  • Maggiori capacità infrastrutturali nel caso di esigenze di calcolo e di archiviazione di grandi dimensioni.
  • Accesso esclusivo alle prestazioni e alla banda larga del cloud, pertanto un utilizzo del cloud da parte di più utenti contemporaneamente non comporta limitazioni.

Cloud privato: le varie tipologie

Esistono 4 tipologie di cloud privato:

  • cloud privato interno: l’azienda stessa gestisce l’infrastruttura IT dei propri servizi cloud.
  • cloud privato gestito: l’infrastruttura IT per il cloud è ospitata internamente ma gestita da un provider esterno.
  • Il cloud privato virtuale: il cloud privato virtuale si trova nel data center di un provider ed è quindi esterno all’azienda. É il provider a gestire il cloud per conto dell’azienda.
  • Il community cloud o cloud communitario: si tratta di una forma particolare di cloud privato che consente a più aziende di accedere a un cloud privato condiviso. 

Cloud pubblico: cos’è?

Per cloud pubblico intendiamo servizi di elaborazione offerti da provider di terze parti tramite la rete Internet pubblica e disponibili per chiunque voglia usarli o acquistarli. Tali servizi possono essere gratuiti o venduti on demand per consentire ai clienti di pagare solo per le risorse effettivamente utilizzate (i cicli di CPU, le risorse di archiviazione o la larghezza di banda che utilizzano).

Cloud pubblico: quali sono i vantaggi?

Anche il cloud privato presenta diversi vantaggi:

  • Riduzione dei costi: non devi acquistare hardware o software e paghi solo per i servizi usati.
  • Nessuna manutenzione: il provider di servizi fornisce la manutenzione.
  • Scalabilità quasi illimitata: sono disponibili risorse on demand per soddisfare le tue esigenze aziendali.
  • Flessibilità d’utilizzo, in quanto il cloud è accessibile ovunque e in qualsiasi momento. L’unico requisito è una connessione a Internet.

Perché affidarsi a un cloud privato?

Un cloud privato permette di organizzare, gestire, distribuire e sfruttare i servizi IT in modo più flessibile. L’utilizzo di un cloud privato consente inoltre di sviluppare e implementare più velocemente eventuali nuove funzioni del business e di espandere o ridurre le capacità secondo necessità.

Ma soprattutto il cloud privato garantisce un controllo degli accessi che non è invece possibile effettuare con altre tipologie di cloud, il che contribuisce a una migliore sicurezza dei dati.

La creazione di un cloud privato prevede un ampio know-how tecnico, per tale motivo è consigliabile affidarsi ad esperti del settore, che siano in grado non solo di configurare la soluzione più adeguata per l’azienda, ma anche si offrire assistenza e manutenzione del servizio.

IPSNet progetta e fornisce soluzioni Cloud basate su Server virtuali (VPS) e Desktop virtualisi avvale di Data Center tecnologicamente all’avanguardia e storage di ultima generazione, garantendo sicurezza e possibilità di personalizzazione. Un team di esperti al tuo servizio per sviluppare e mantenere soluzioni ad hoc per ottimizzare il lavoro nella tua azienda. Vuoi maggiori informazioni? Contattaci o richiedi un preventivo.

Claudio Martini

Claudio Martini

Information Technology Project Manager

Systems Advisor e Chief Information Security Officer. Esperto in configurazione, gestione e manutenzione di reti, infrastrutture IT, server, firewall e soluzioni di business continuity. 

Dal 1995 siamo al fianco di professionisti e imprese.
Negli anni IPSNet è diventato un marchio sinonimo di competenza e professionalità per assistere il cliente e orientarlo nel mondo della rete, sempre più difficile e ricco di opportunità, ma anche di insidie. Cloud Provider, soluzioni per le reti informatiche e la sicurezza dei dati nelle aziende sono, ad oggi, il nostro quotidiano impegno per centinaia di clienti che, da oltre 20 anni, ci affidano la propria informatizzazione digitale.

Hai bisogno di maggiori informazioni?
Chiamaci al 011.58.07.622

Richiedi una consulenza gratuita

Supporto clienti IPSNet
Inserisci il codice fornito dall'addetto
Codice non valido
Aprire il file scaricato e seguire le istruzioni del nostro tecnico
Servizio di supporto per clienti IPSNet
Inserisci il codice fornito dall'addetto
Codice non valido
Aprire il file scaricato e seguire le istruzioni del nostro tecnico